logo

Abstract

Laureando Boldrin Mattia 809585

 
◀ Indietro

Titolo Tesi: Uno strumento automatico per la verifica di correttezza di documenti SMIL

 

In questa tesi viene descritto uno strumento automatico per la valutazione della consistenza temporale di un documento SMIL. L'applicazione è stata sviluppata partendo dallo studio di una semantica assiomatica per il linguaggio standard SMIL. Tale strumento fornisce un valido aiuto all'utente nel difficile compito di creare una presentazione multimediale, rilevando i conflitti temporali all'interno di uno script SMIL e fornendo all'utente la loro posizione e le cause che li hanno generati.

 


logo

Abstract

Laureando Buranello Alberto 802691

 
◀ Indietro

Titolo Tesi: Programmi finitary e finitamente ricorsivi nella programmazione logica

 

Tratteremo in questo scritto le particolarità dei programmi finitary partendo dalle ricerche di Bonatti e mostrando i vantaggi che si possono ottenere. In questi tipi di programmi i simboli di funzione e le ricorsioni sono permesse con la particolarità che ogni atomo ground dipende da un numero finito di atomi ground. In ogni caso solo un numero finito di atomi ground deve essere negli odd-cycle, cioè i cicli nelle chiamate ricorsive producono un numero dispari di sottogoal negativi che significa che ci sarà solo un finito numero di sorgenti di inconsistenza. In generale i simboli di funzione rendono il modello stabile semantico altamente indecidibile, al contrario se è il programma è di tipo finitary allora il controllo della consistenza, delle queries scettiche ground e delle queries credule ground sono decidibili. Bonatti, Baselice e Criscuolo hanno inoltre dimostrato che le queries non ground sono r.e.-complete. Una volta introdotti i programmi finitamente ricorsivi e quelli finitary si cercherà di estendere le proprietà che si è verificato valere per i finitary ai finitely recursive. Per aiutarci nella dimostrazione sarà necessario introdurre i concetti di splitting set e module sequences. Una volta definiti i concetti teorici si potrà passare a definire una bozza di un programma che controlla se un programma è, o meno, finitary. Per far questo utilizzeremo una macchina Linux con un interprete XSB.

 


logo

Abstract

Laureando Carnielli Efrem 804207

 
◀ Indietro

Titolo Tesi: Un framework ed un’architettura per la narrazione interattiva

 

La tesi è focalizzata sulla narrazione interattiva inteso come il risultato della convergenza di due componenti specifiche: la narrazione lineare di eventi, che caratterizza media come la cinematografia, e l’interattività che caratterizza il colloquio uomo-calcolatore nei mondi virtuali interattivi. La tesi analizza, come necessario punto di partenza per lo sviluppo di una storia interattiva, i contributi degli studiosi nell’ambito della narratologia, soffermandosi anche sulla definizione dei diversi generi letterari. L’analisi di tali concetti ha permesso di giungere alla formalizzazione di un framework per la modellazione di opere letterarie e di un’architettura software in grado di replicare la trama di una determinata opera o di modificarla ed ampliarla a favore della non linearità. L’illustrazione di un caso di studio ispirato al romanzo di Mario Rigoni Stern “Il sergente nella neve” completa la trattazione della tesi.

 


logo

Abstract

Laureando Carrer Andrea 799748

 
◀ Indietro

Titolo Tesi: Il problema dell'eterogeneità nei sistemi di pervasive computing

 

I continui progressi nella realizzazione di tecnologie hardware e di nuove tecniche di comunicazione stanno cambiando il modo di concepire l’elaborazione informatica e le modalità d’interazione fra l’uomo ed i computer. Nel futuro, ci troveremo a vivere in ambienti popolati da una serie di dispositivi “intelligenti” che comunicheranno e coopereranno tra di loro per assisterci nello svolgimento delle nostre attività quotidiane. A questo tipo di scenari ci si riferisce quando si parla di Ubiquitous (o Pervasive) Computing: scenari in cui capacità di calcolo e di elaborazione assumono caratteristiche di ubiquità, si diffondono nella nostra realtà e penetrano all’interno degli oggetti che ci circondano.

 


logo

Abstract

Laureando Cocco Nicola 799721

 
◀ Indietro

Titolo Tesi: Folksonomie e classificazione cooperativa nel web 2.0

 

Analisi di una folksonomia come sistema di classificazione cooperativa nel web. Saranno analizzati le principali caratteristiche di una folksonomia rapportata ad un sistema di classificazione tassonomico. Verrà proposto un modello per la rappresentazione di una folksonomia e saranno analizzate le proprietà e le problematiche che una tale organizzazione dei contenuti offre agli utenti che ne fanno uso.

 


logo

Abstract

Laureando Ferrise Antonio 804952

 
◀ Indietro

Titolo Tesi: Apprendimento stocastico per il relaxation labeling: Algoritmi genetici vs Simulated Annealing

 

I processi di relaxatin labeling sono stati molto usati in tanti domini differenti, tra cui uno di questi è la computer vision . Loro sono procedure iterative che riducono ambiguità locali attraverso lo sfruttamento parallelo dell’ informazione contestuale, la quale è espressa quantitativamente in termini di un insieme di “coefficienti di compatibilità “. Il problema su come determinare tali coefficienti è stato ampliamente trattato in letteratura, e svariate sono state le risposte, ma in questo lavoro di tesi mi concentrerò su procedure di apprendimento stocastico dei coefficienti di compatibilità per gli algoritmi di relaxation labeling. Tali procedure di apprendimento servono per minimizzare una certa funzione costo utilizzando algoritmi di ottimizzazione, che nello specifico di questo lavoro sono: algoritmi genetici e algoritmi di simulated annealing. In questa tesi proporrò un confronto tra le due procedure di apprendimento testandole su qualche problema giocattolo e su un problema di computer vision. I risultati dei test saranno mirati a confrontare in modo obbiettivo i tempi di esecuzione e la qualità delle soluzioni .

 


logo

Abstract

Laureando Fiori Alessandro 805039

 
◀ Indietro

Titolo Tesi: Digitale Terrestre: Analisi e sviluppo di un Browser XHTML per la piattaforma DVB-T su standard MHP

 

Digitale Terrestre: In quest'ultimo decennio si sta assistendo alla sviluppo di una nuova tecnologia che rivoluzionarà il modo televisivo e che porterà la odierna televisione generalista e passiva verso una televisione interattiva, in cui l'utente potrà interaggire attraverso delle vere e proprie applicazioni PC-like per scegliere e personalizzare i contenuti multimediali trasmessi. L'elaborato consiste in uno studio di fattibilità per lo sviluppo di un XHTML Browser, tenuto conto dei protocolli utilizzati per la trasmissione dei contenuti digitali e dei tipi di dato gestibili, delle limitazioni in termini di potenza di calcolo, capacità grafiche e di usabilità dei set-top-box oggi in commercio, rispetto ad un tradizionale Personal Computer. Nel capitolo 1 viene fornita una panoramica riguardante l'ente di standardizzazione DVB (Digital Video Broadcasting) e dello standard MHP (Multimedia Home Plataform) per lo sviluppo delle applicazioni DVB-J basate sul linguaggio Java e una descrizione esaustiva riguardante l'MPEG-2 Transport Stream ed in particolare il protocollo DSM-CC, utilizzato per la trasmissione in broadcast di dati e quindi di applicazioni DVB-J. Il capitolo 2 effettua un'analisi delle differenze tra il mondo PC e DigitalTV, relativamente al differente modello di navigazione tra le interfacce grafiche PC-like (telecomando TV contro mouse e tastiera), la diversa risoluzione dello schermo e la gamma di colori riprodotta, le limitate capacità di calcolo dei decoder MHP oggi in commercio rispetto ai tradizionali PC e le limitazioni in termini di banda dei protocolli utilizzati. L'analisi di tutti questi fattori ha portato alla definizione di un sub-set XHTML 1.0 per lo sviluppo di documenti XHTML adatti al mondo DTV e allo sviluppo di un XHTML Browser in grado di interpretarli e di riprodurre i layout grafici conformi alle raccomandazioni W3C. L'ultimo capitolo descrive in maniera modulare le parti che compongono l'applicazione e fornisce qualche esempio di layout.

 


logo

Abstract

Laureando Franzin Alberto 807980

 
◀ Indietro

Titolo Tesi: Clustering di immagini per la ricerca approssimata per similarità ed applicazione ad un sistema P2P

 

L'interesse della tesi riguarda la ricerca approssimata per similarità su immagini descritte da tre descrittori dello standard MPEG-7. Tali descrittori sono stati estratti da alcune milioni di immagini presenti nel sito di Flicker. L'idea di questa tesi è nata anche dall'esigenza progettare e valutare una nuova strategia di ricerca efficiente di immagini su di una rete P2P. In tale rete, le immagini sono divise tra i vari peer ed è necessario un meccanismo di indicizzazione che permetta, data una query, di indirizzare la ricerca verso quell'insieme di peer che, con alta probabilità, contengono immagini simili alla query. La scelta della strategia di ricerca approssimata da utilizzare è ricaduta sulle strategie basate su indici clusterizzati. Le immagini vengono raggruppate in cluster, ed una struttura di indicizzazione efficiente permette di determinare, data una query, quale è l'insieme di cluster che contengono le immagini simili alla query. Gli algoritmi sviluppati con queste tecniche operano in ambiente non distribuito, ma possono essere adattati facilmente ad un ambiente distribuito e P2P. Sull'insieme dei cluster ottenuti sono state implementate e valutate tre tipologie di ricerca kNN: CF-CellID, CF-Pivot e CF-Centroid. In generale, i risultati hanno mostrato che l'algoritmo CF-Pivot permette di avere buoni risultati secondo le metriche utilizzate. Questo suggerisce che la ricerca CF-Pivot può essere effettivamente implementata in un sistema P2P. Viene anche proposta l'estensione in ambito distribuito di tale tipologia di ricerca.

 


logo

Abstract

Laureando Frattina Diego 799736

 
◀ Indietro

Titolo Tesi: Analisi di informazioni da immagini georeferenziate per l'estrazione di conoscenze spazio-temporali

 

Lo studio condotto rientra nell'ambito della scoperta di conoscenze geografiche, e dall'analisi delle informazioni ricavabili da immagini georeferenziate (e della loro successione temporale) reperibili, nel nostro caso, attraverso un famoso servizio di condivisione di fotografie quale Flickr®. I metadati contenuti nelle immagini fotografiche sono d'aiuto, conservando l'ora dello scatto quindi il tempo, per definire delle sequenze temporali, ed è sempre più richiesto dagli utenti anche la georeferenza delle foto, ossia l'inserimento all'interno dei dati che accompagnano l'immagine della posizione geografica (spazio). Mediante l'impiego degli studi finora condotti in materia di analisi di sequenze spazio-temporali, analisi di clustering e market basket analysis, con il supporto delle tecnologie Java, MySQL, Javascript/PHP è stato possibile: 1) la raccolta una numerosa quantità di dati 2) l'estrazione di conoscenze che sottolineano le capacità ricettive elevate in prossimità di grandi aree di interesse sia turistico che socio-economico. In conclusione si presenta un prototipo web che possa contribuire all'analisi spaziale, in un eventuale sistema GIS, e a visualizzare i risultati ottenuti per evidenziare zone geografiche e sequenze temporiali che godono di un "geo-potenziale" particolare grazie anche a distinti fattori d'attrazione.

 


logo

Abstract

Laureando Pustetto Fabio 800293

 
◀ Indietro

Titolo Tesi: WekaSMP: Parallelizzazione Multi-Thread di una libreria Java per il Data Mining

 

L'idea base delle architetture parallele è che diversi processori cooperino nella soluzione di un singolo problema. Il motivo che spinge ad occuparsi di calcolo parallelo è proprio il tentativo di velocizzare il processo di calcolo della soluzione dei problemi computazionali. In accordo con la legge di Moore è stato ormai raggiunto il limite fisico per l'aumento della frequenza dei processori e vengono rilasciati i primi sistemi Multi-Core: più unità di calcolo nello stesso processore che cooperano nel raggiungimento del risultato e una sola memoria condivisa. Per far fronte all'esigenza di sfruttare il patrimonio informativo contenuto nelle grandi raccolte di dati che abbiamo a disposizione, si utilizzano algoritmi di Data Mining per estrarre informazione implicita da dati già strutturati, esplorare ed analizzare in modo automatico grandi quantità di dati allo scopo di scoprire regole o insiemi significativi. Lo scopo di questa tesi è studiare e fornire algoritmi di Data Mining paralleli efficienti per questo nuovo tipo di architetture, basandosi sulle librerie Java del progetto Weka. L'implementazione parallela da luogo al prototipo WekaSMP, base di partenza per la parallelizzazione di tutti gli algoritmi in essa contenuti. L'analisi dei risultati, infine, evidenzia come sia possibile ridurre il tempo di computazione in modo sensibile sfruttando in modo opportuno tutte le unità di calcolo.

 


logo

Abstract

Laureando Zennaro Silvio 805185

 
◀ Indietro

Titolo Tesi: Accordo tra alberi filogenetici: dalla teoria allo sviluppo web 2.0

 

La tesi analizza il problema di come trattare differenti risultati di inferenza filogenetica ottenuti con diversi processi di calcolo. In particolare la tesi presenta i principali metodi di calcolo di alberi filogenetici e illustra diverse tecniche per il calcolo dei consensus trees, ovvero la soluzione proposta per gestire informazioni filogenetiche contrastanti. L'elaborato presenta inoltre WebConsenssu2.0, un'applicazione realizzata con tecnologia web 2.0 per l'archiviazione e l'editing di alberi filogenetici che include la possibilita' di calcolo dei consensus trees, da qualsiasi insieme di alberi fondamentali concorrenti.